Volterra oggi e domani– Confcommercio a confronto con sindaco e l’assessore Luti

Sul tavolo le questioni di Docciola, Palagione, suolo pubblico, turismo, eventi

E’ stato un incontro a 360° sul presente ma soprattutto sull’immediato futuro di Volterra, quello che ha visto protagonista i vertici di Confcommercio Provincia di Pisa con il sindaco Giacomo Santi e l’assessore al turismo Viola Luti. Martedì 2 luglio, l’associazione di categoria si è presentata a Palazzo dei Priori con il presidente di Volterra Sergio Brizi, il direttore Federico Pieragnoli, alcuni rappresentanti del direttivo, il referente sindacale Luca Favilli.

Strade bianche, parcheggi, commercio, turismo ed eventi sono questi alcuni dei temi principali affrontati nel corso del vertice. Tre in particolare le immediate urgenze, sottolineate dalle precise richieste del presidente Brizi: “Intanto occorre far ripartire immediatamente i lavori sulla strada del Palagione. Al sindaco abbiamo chiesto un impegno preciso sulla data, rispetto ad una vicenda che non può essere ulteriormente rimandata”.

Altra urgenza è quella della concessione di qualche agevolazione dei locali e dei pubblici esercizi: “Purtroppo il maggio disastroso ha condizionato inevitabilmente il turismo e i ristoranti ne hanno risentito in maniera pesante. Alla luce di questa situazione straordinaria, abbiamo chiesto la disponibilità dell’amministrazione comunale ad agevolare gli imprenditori concedendo a tutti un ampliamento del suolo pubblico, in sostanza qualche tavolino in più, almeno fino alla fine dell’estate. Sarebbe ossigeno per le attività, ci aspettiamo questo segnale di grande attenzione da parte del sindaco rivolto a tutti coloro che come noi svolgono un servizio fondamentale per turisti e visitatori”. Infine liberare Docciola: “I parcheggi sono un aspetto strategico del sistema di accoglienza, per questo occorre liberare Docciola dai camper, che possono parcheggiare anche più distanti dal centro, procedendo ad una contestuale risistemazione dello stesso”.

Che Volterra non sia classificata come città turistica è un paradosso che il direttore di Confcommercio Federico Pieragnoli fatica a comprendere: “La vocazione di una città rivolta al mondo è segnata nello stesso Dna di Volterra. Il sistema di accoglienza occorre che sia puntualmente organizzato e programmato in ogni suo aspetto. Non si può fare seria promozione senza coinvolgere albergatori, strutture ricettive, e tutte le professionalità della filiera turistica. Per questo è necessario un calendario degli eventi, che sia promosso almeno un anno prima”. Pieragnoli approva la decisione dell’assessore Luti “di inserire Volterra all’interno di Terre di Pisa” e rilancia sul tema – “Volterra ha una grandissima tradizione di storia e cultura ma al contempo è all’apice di un territorio ricco di prodotti e eccellenze enogastronomiche che hanno potenzialità straordinarie che non può più mancare”.

Luca Favilli

scrivi
chiama
Condividi la notizia:
error