Il presente AVVISO mette a disposizione incentivi alle imprese per favorire l’occupazione. In particolare, sono previsti incentivi per assunzione o stabilizzazione di specificate tipologie di lavoratori

Possono beneficiare degli incentivi descritti nel presente AVVISO tutte le imprese: iscritte alla Camera di Commercio con unità operative interessate alle assunzioni (o stabilizzazione dei contratti a tempo determinato) localizzate sul territorio della Regione Toscana. Per le agevolazioni punti 2. 3. 4. 5. (giovani laureati – dottori di ricerca è richiesto il requisito di PMI.

 

ASSUNZIONE DI:

 

  1. donne disoccupate/inoccupate, iscritte ai centri per l’impiego delle Province della Toscana che abbiano compiuto il 30° anno di età, assunte a tempo indeterminato. Lo stato di disoccupazione delle donne over 30 deve essere comprovato tramite iscrizione presso il competente Centro per l’Impiego delle Province della Toscana.

  2. giovani laureati, e/o laureati con dottorato di ricerca, di età non superiore ai 35 anni (40 anni per gli appartenenti alle categorie di cui alla L.68/1999), assunti a tempo indeterminato, e/o a tempo determinato (con contratti di durata di almeno 12 mesi), con mansioni di elevata complessità tali da richiedere la qualificazione universitaria e conlivello di inquadramento contrattuale adeguato rispetto a quanto stabilito dal relativo CCNL di riferimento. Il parere circa la rispondenza del contratto e delle mansioni svolte dal laureato è demandato ad una Commissione costituita dalle Organizzazioni datoriali e Sindacali presenti in Tripartita. Le Parti datoriali che compongono la commissione suddetta sono quelle rappresentanti il settore cui afferisce l’impresa richiedente il contributo.

  1. lavoratori licenziati a partire dal 01/01/2008 (ad eccezione dei licenziati per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo) assunti a tempo indeterminato, non iscritti nelle liste di mobilità ai sensi della L.223/91 e che si trovino in stato di disoccupazione. Lo stato di disoccupazione deve essere comprovato tramite iscrizione presso il competente Centro per l’Impiego delle Province della Toscana ai sensi della normativa in vigore (D.Lgs 181/2000) lavoratori in forza all’azienda con contratti a tempo determinato nel caso in cui gli stessi siano trasformati in contratti a tempo indeterminato almeno 4 mesi prima della scadenza prevista nel contratto iniziale.

  1. soggetti prossimi alla pensione cui manchino non più di 5 anni di contribuzione per la maturazione del diritto al trattamento pensionistico secondo la normativa vigente assunti a tempo indeterminato e soggetti prossimi alla pensione cui manchino non più di 3 anni di contribuzione per la maturazione del diritto al trattamento pensionistico assunti a tempo determinato. I soggetti prossimi alla pensione devono trovarsi in stato di disoccupazione, comprovato tramite iscrizione presso il competente Centro per l’Impiego delle Province della Toscana ai sensi della normativa in vigore (D.Lgs 181/2000), o in situazione di mobilità non indennizzata e comunque non percettori di ammortizzatori sociali.

AGEVOLAZIONI PER:

A) Per le donne disoccupate:

– Euro 3.000,00 per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato part-time.

B)1. Per i giovani laureati:

– Euro 6.000,00 per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato full-time;

– Euro 3.000,00 per ogni assunzione con contratto a tempo determinato full-time della durata minima di 12 mesi;

– Euro 2.000,00 per ogni assunzione con contratto a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi;

B)1.1. Nel caso in cui il contratto di lavoro a tempo determinato della durata di 12 mesi incentivato venga trasformato a tempo indeterminato l’impresa potrà inoltrare ulteriore domanda di contributo per richiedere:

– Euro 3.000,00 per ogni contratto di lavoro a tempo determinato full-time della durata minima di 12 mesi trasformato a tempo indeterminato full-time;

– Euro 1.000,00 per ogni contratto di lavoro a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi trasformato a tempo indeterminato part-time;

– Euro 4.000,00 per ogni contratto di lavoro a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi trasformato a tempo indeterminato full-time.

 

B)2. Per i dottori di ricerca:

– Euro 6.500,00 per ogni assunzione a tempo indeterminato full-time;

– Euro 3.250,00 per ogni assunzione a tempo indeterminato part-time;

– Euro 3.250,00 per ogni assunzione a tempo determinato full-time della durata minima di 12 mesi;

– Euro 2.200,00 per ogni assunzione a tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi;

 

B)2.1. Nel caso in cui il contratto a tempo determinato della durata di 12 mesi venga trasformato a tempo indeterminato l’impresa potrà inoltrare ulteriore domanda di contributo per richiedere:

– Euro 3.250,00 per ogni trasformazione del contratto di lavoro a tempo indeterminato full-time della durata minima di 12mesi a contratto di lavoro a tempo indeterminato full time;

– Euro 1.050,00 per ogni trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi a contratto di lavoro a tempo indeterminato part-time;

– Euro 4.300,00 per ogni trasformazione del contratto di lavoro da tempo determinato part-time della durata minima di 12 mesi a contratto di lavoro a tempo indeterminato full-time.

C) Per i lavoratori licenziati:

– Euro 8.000,00 per ogni assunzione a tempo indeterminato full-time;

– Euro 4.000,00 per ogni assunzione a tempo indeterminato part-time.

D) Per i soggetti prossimi alla pensione:

Assunzioni a tempo indeterminato:

– Euro 3.000,00 annui per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato di uomini che siano a meno di 5 anni dalla pensione in stato di disoccupazione o mobilità non indennizzata o comunque privi di ammortizzatori sociali;

– Euro 3.600,00 annui per ogni assunzione con contratto a tempo indeterminato di donne che siano a meno di 5 anni dalla pensione in stato di disoccupazione o mobilità non indennizzata o comunque privi di ammortizzatori sociali;

Assunzioni a tempo determinato:

– Euro 3.000,00 annui per ogni assunzione con contratto a tempo determinato di uomini che siano a meno di 3 anni dalla pensione, in stato di disoccupazione o mobilità non indennizzata o comunque privi di ammortizzatori sociali;

– Euro 3.600,00 annui per ogni assunzione con contratto a tempo determinato di donne che siano a meno di 3 anni dalla pensione, in stato di disoccupazione o mobilità non indennizzata o comunque privi di ammortizzatori sociali.

VOUCHER FORMATIVI

Le imprese che assumono a tempo indeterminato i lavoratori licenziati possono richiedere un voucher formativo aziendale, fino ad un massimo di Euro 3.000,00, per qualificare o riqualificare le persone assunte.

I voucher possono essere spesi dal datore di lavoro per la formazione erogata presso agenzie formative accreditate dalla Regione Toscana ad esclusione della formazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente.

Scadenza 30/12/2014

 

 

Condividi la notizia: