Ambulanti Cascina: Bene la riduzione della Cosap, adesso procedere alla riqualificazione del mercato di Navacchio

Home » Blog » Ambulanti Cascina: Bene la riduzione della Cosap, adesso procedere alla riqualificazione del mercato di Navacchio

Ambulanti Cascina: Bene la riduzione della Cosap, adesso procedere alla riqualificazione del mercato di Navacchio

L’abbattimento della Cosap agli ambulanti è un segnale in controtendenza, che trova il nostro pieno gradimento. E’ Franco Palermo, presidente della Fiva Confcommercio Provincia di Pisa ad apprezzare la decisione del comune di Cascina di ridurre il suolo pubblico per gli ambulanti: “Il settore sta vivendo una condizione molto difficile e la crisi dei consumi non risparmia nessuno, a maggior ragione ringraziamo il sindaco Ceccardi, il vicesindaco Rollo e l’assessore al commercio di Cascina Favale per aver deliberato la riduzione della Cosap per la nostra categoria”.

Una riduzione particolarmente opportuna soprattutto per gli operatori del mercato di Navacchio: “Le difficoltà di questo mercato sono sotto gli occhi di tutti, come confermato dalle trenta licenze riconsegnate in comune. Proprio per questo abbiamo gradito la tempestività e il buon senso con il quale l’assessore Patrizia Favale ha deciso, d’accordo con entrambe le associazioni di categoria, di procedere ad una riorganizzaione dello stesso, al fine di ricreare una condizione di attrattività, fruibilità e interesse per quel mercato”.

Parlare oggi come fa il presidente dell’Anva Luppichini dello spostamento del mercato di Navacchio in altra sede vuol dire perdere dell’altro tempo in sterili discussioni e non fare l’interesse della categoria” – questo il commento del referente di ConfcommercioPisa Alessio Giovarruscio: “Dopo aver consultato gli operatori abbiamo espresso il nostro parere favorevole alla riqualificazione proposta dall’assessore. Lo stesso ha fatto l’altra associazione in sede di concertazione, associazione che adesso per bocca del suo presidente Luppichini temporeggia e dice di lavorare allo spostamento in un’altra sede. Un comportamento al limite dello schizofrenico, che danneggia il mercato e l’intera categoria degli operatori. Per questo, rivolgiamo all’assessore Favale l’invito a procedere celermente per realizzare il progetto di riqualificazione approvato unanimemente”.

Condividi la notizia:
2019-01-11T14:24:27+00:00