In Italia la tutela della sicurezza dei prodotti alimentari è affidata essenzialmente all’attività di controllo ufficiale svolta dal Ministero della Salute, con i suoi Uffici centrali e periferici, e dalle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, attraverso le loro strutture territoriali.

Il controllo ufficiale riguarda sia i prodotti italiani o di altra provenienza destinati ad essere commercializzati nel territorio nazionale che quelli destinati ad essere spediti in un altro Stato dell’Unione Europea oppure esportati in uno Stato terzo. Esso considera tutte le fasi della produzione, della trasformazione, del magazzinaggio, del trasporto, del commercio e della somministrazione, e consiste in una o più delle seguenti operazioni:

  • ispezione,

  • prelievo dei campioni,

  • analisi di laboratorio dei campioni prelevati,

  • controllo dell’igiene del personale addetto,

  • esame del materiale scritto e dei documenti di vario genere: manuale di autocontrollo (haccp), procedura di rintracciabilità, attestati di formazione del personale, Scia sanitaria ecc

  • esame dei sistemi di verifica installati dall’impresa e dei relativi risultati

ll controllo ufficiale esamina:

  • lo stato, le condizioni igieniche ed i relativi impieghi degli impianti, delle attrezzature, degli utensili, dei locali e delle strutture;

  • le materie prime, gli ingredienti, i coadiuvanti ed ogni altro prodotto utilizzato nella produzione o preparazione per il consumo;

  • i prodotti semilavorati;

  • i prodotti finiti;

  • i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti;

  • i procedimenti di disinfezione, di pulizia e di manutenzione;

  • i processi tecnologici di produzione e trasformazione dei prodotti alimentari;

  • l’etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari;

  • i mezzi e le regole di conservazione.

 

Sono molteplici, sia a livello centrale sia territoriale, gli Organismi responsabili di diversi aspetti del controllo ufficiale degli alimenti e delle bevande.

Gli organi centrali e regionali delle amministrazioni competenti svolgono prevalentemente funzioni di indirizzo e di coordinamento, mentre l’effettivo controllo su produzione, commercializzazione e somministrazione dei prodotti è svolto prevalentemente a livello territoriale, comunale, dalle Aziende sanitarie.

AUTORITA’ COMPETENTI CENTRALI (ACC)

AUTORITA’ COMPETENTI REGIONALI (ARC)

Le 19 Regioni e le 2 Province Autonome hanno la responsabilità, all’interno del proprio territorio, della pianificazione, dell’ indirizzo e coordinamento, del rilascio delle autorizzazioni e della verifica dei controlli

L’attuazione dei controlli è gestita a livello locale da 197 Aziende Unità Sanitarie Locali (AUSL)

Per quanto riguarda la protezione dell’Ambiente, lo Stato ha assegnato alle Regioni e alle ARPA (Agenzie Regionali Protezione Ambiente) importanti funzioni che riguardano la protezione

In materia di Sanità delle piante, i Servizi fitosanitari regionali che si occupano della difesa delle produzioni agricole, vivaistiche e forestali contro il pericolo della diffusione di nuovi organismi nocivi all’interno del territorio comunitario .

FORZE DI POLIZIA E ALTRI ORGANI DI POLIZIA GIUDIZIARIA

Comando Carabinieri per la Tutela della Salute: (NAS) ha competenze in materia di sanità, igiene ed alimenti: per quanto riguarda la prevenzione e contrasto degli illeciti in materia di sanità, igiene e sofisticazioni alimentari;

Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari (NAC) hanno competenzenel settore agroalimentare: concorso nell’attività di prevenzione e repressione delle frodi nel settore agroalimentare e delle sofisticazioni di alimenti e bevande; accessi ed ispezioni amministrative;

Che differenza c’è tra i NAS ed i NAC?

Mentre i NAS si occupano essenzialmente del rispetto delle norme igienico-sanitarie e delle “sofisticazioni” nella produzione e commercializzazione dei prodotti agroalimentari, i NAC si occupano del rispetto delle norme poste a tutela della “qualità” dei prodotti agroalimentari sviluppando una specifica azione di contrasto alle “frodi commerciali” con riferimento in particolare:

Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente hanno competenze in materia ambientale: prevenzione e contrasto degli illeciti in materia ambientale

Corpo Forestale dello Stato ha competenze in materia di sanità, igiene ed alimenti: concorso nelle attività volte al rispetto della normativa in materia di sicurezza alimentare del consumatore e biosicurezza in genere.

Ha competenzenel settore agroalimentare: funzioni attribuite dal Ministero delle politiche agricole e forestali in materia agroalimentare.

Ha Competenze in materia ambientale: prevenzione e contrasto degli illeciti in materia ambientale

Guardia di Finanza 

Ha competenze in materia di sanità, igiene ed alimenti: controllo della spesa sanitaria.

Ha competenzenel settore agroalimentare: prevenzione e contrasto delle frodi comunitarie anche con riguardo alla tutela degli interessi finanziari comunitari relativi al settore agricolo e della pesca;

Ha competenze in materia ambientale: azione di vigilanza, prevenzione e contrasto delle violazioni ambientali.

Capitanerie di Porto

svolge compiti e funzioni collegate in prevalenza con l’uso del mare per i fini civili e con dipendenza funzionale da vari ministeri che si avvalgono della loro opera.

Competenze in materia di sanità, igiene ed alimenti: monitoraggio dei vari stadi nei quali si compone la filiera della pesca, etichettatura e tracciabilità prodotti ittici.

Competenze nel settore agroalimentare:

  • Direzione, vigilanza e controllo sulla filiera della pesca
  • Repressioni frodi alimentari, commerciali e sanitarie;
  • Controllo e repressione della vendita di specie ittiche protette;
  • Repressione delle attività illegali di pesca (IUU), come definite a livello comunitario;
  • Vigilanza, controllo e polizia nelle materie rientranti nelle attribuzioni dirette o delegate nell’ambito dei compiti di polizia giudiziaria previsti dall’art. 1235 del Codice della navigazione e dalle leggi speciali richiamate dall’articolo 57, comma 1, del Codice di procedura penale, nonché in quelle riconducibili ad altri Dicasteri.

Competenze in materia ambientale: prevenzione e contrasto degli illeciti

ALTRE ISTITUZIONI

Agenzia delle Dogane: è competente a svolgere i servizi relativi all’amministrazione, alla riscossione e al contenzioso dei diritti doganali e della fiscalità interna negli scambi internazionali, delle accise sulla produzione e sui consumi, escluse quelle sui tabacchi lavorati, operando in stretto collegamento con gli organi dell’Unione europea nel quadro dei processi di armonizzazione e di sviluppo dell’unificazione europea. L’agenzia gestisce i laboratori doganali di analisi e può anche offrire sul mercato le relative prestazioni.

Ti occupi di un’attività alimentare e hai dubbi sulla corretta gestione degli alimenti? Non esitare, contatta l’Ufficio di Igiene di Confcommercio Pisa, avrai a disposizione i nostri tecnici che sapranno rispondere alle tue domande!

 

 

Condividi la notizia: