Il nuovo Bando ISI INAIL 2023 ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori, nonché di incoraggiare le micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli, all’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

Il bando è rivolto a TUTTE le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura e agli Enti del terzo settore (per alcuni interventi specifici).

Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese, per la parte relativa agli stanziamenti, in 5 assi di finanziamento:

Asse di finanziamento 1

  • Riduzione dei rischi tecnopatici
  • Adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale

Asse di finanziamento 2

  • Riduzione dei rischi infortunistici

Asse di finanziamento 3

  • Bonifica da materiali contenenti amianto

Asse di finanziamento 4

  • Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività

Asse di finanziamento 5

  • Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli

Sono ammesse a finanziamento le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua completezza, nonché le eventuali spese tecniche, entro i limiti precisati negli appositi allegati.

È concesso un finanziamento a fondo perduto del 65% per gli assi 1, 2, 3, 4.
In caso di settore agricolo (sub asse 5.2) il fondo perduto può arrivare all’80%.

L’ammontare del finanziamento è compreso tra un importo minimo di 5.000 Euro e un importo massimo erogabile pari a 130.000 Euro.

Per una prevalutazione e per accedere al bando, i nostri uffici sono a vostra disposizione:

Francesca Cagnoni

Per maggiori informazioni e per presentare la domanda:

Elisabetta Luppichini