Fiva Confcommercio Pisa, per bocca del suo presidente Franco Palermo e del responsabile sindacale Alessio Giovarruscio stigmatizzano, in vista della prossima fiera di Pontedera, l’ennesima richiesta di soldi agli operatori:

“In un messaggio audio il vicepresidente Anva chiede un contributo extra agli operatori della fiera, scomodando anche la figura del vicesindaco Alessandro Puccinelli, che avrebbe dato la propria disponibilità ad un incontro nella giornata di domani per parlare di questa situazione. Usiamo il condizionale, ma è davvero strano che il vicesindaco, che conosciamo per la correttezza, si sia prestato ad incontrare gli operatori senza coinvolgere la principale associazione di categoria per parlare dell’ipotesi, peraltro unica nel suo genere e poco comprensibile, di un contributo extra” – spiega il presidente Palermo.

“Vogliamo semplicemente chiarezza, rispetto ad una situazione in cui gli operatori della fiera già pagano il suolo pubblico e in anticipo e a nient’altro debbono sentirsi obbligati” – aggiunge Alessio Giovarruscio: “Ci dicono che è già capitato negli anni passati, ma adesso anche basta. Visto che già pagano il dovuto, non tocca ai fieristi finanziare ulteriormente con soldi propri la fiera, un evento che è una tradizione, un lustro e un motivo di attrazione per tutta la città”.

“Sgombriamo il campo da ogni dubbio, e ci auguriamo che lo svolgimento della fiera non sia in alcun modo subordinato al contributo straordinario degli operatori, i quali partecipano per lavorare e incassare e non per la gloria di qualcun altro” – concludono i rappresentanti Confcommercio.

Alessio Giovarruscio

scrivi
chiama
scrivi
chiama