Raccolta firme dei commercianti per chiudere i fine settimana

C’è rabbia e delusione nell’animo dei commercianti via Maiorca a Marina di Pisa. Una raccolta di 24 firme di commercianti della via, datata 10 maggio 2021, supportata da Confcommercio Provincia di Pisa, chiedeva all’amministrazione comunale in via sperimentale la chiusura al traffico veicolare di via Maiorca dalle ore 19 alle ore 1,00 nei giorni di venerdì, sabato e domenica, a partire dal 1° giugno fino al 5 settembre.

“L’auspicio era quello di iniziare già da giugno, ma le aspettative dei commercianti sono andate completamente deluse” – commenta amareggiata Barbara Benvenuti, presidente di Confcommercio Marina di Pisa: “Ci aspettavamo una risposta in tempi ragionevoli da parte dell’amministrazione comunale. Quest’anno ci siamo mossi per tempo, insieme abbiamo calibrato una richiesta concreta e fattibile, che venisse incontro alle esigenze di tutti. I commercianti di via Maiorca meritano il rispetto e l’attenzione di una risposta, e invece, questo silenzio ci lascia molto amaro in bocca, perché gli effetti del Covid sono stati e continuano ad essere devastanti, e usufruire di spazi adeguati all’esterno è una esigenza delle attività commerciali e dei clienti che ne usufruiscono”.

“Vogliamo una risposta e un eventuale rifiuto chiediamo che adeguatamente motivato – aggiunge il presidente di ConfLitorale Confcommercio Luca Ravagni: “non possiamo lasciare i commercianti di via Maiorca così in sospeso, togliendo loro una importante occasione di rilancio e una opportunità di lavoro così essenziale in un momento come questo. Una risposta è dovuta”.

Aggiunge la propria voce alla richiesta di una risposta da parte del comune David Calise dell’omonima pasticceria: “Ci aspettavamo una risposta, in un senso o in un altro, qualcuno che ci dicesse cosa si può fare e cosa no, quali opportunità poter cogliere e mettere in campo e quali no. A distanza di un anno, siamo di nuovo a fare la stessa domanda e la risposta non c’è stata. Come commercianti siamo tutti delusi”.

Per ulteriori informazioni:

scrivi
chiama
Condividi la notizia: