Confcommercio: “sostenere le imprese per scongiurare la pandemia economica”

“Il comune di Pisa è tra i primi della nostra provincia a stanziare un significativo contributo per l’abbattimento delle tariffe Tari per l’anno 2022. Per questo, non possiamo che ringraziare il sindaco Michele Conti e l’assessore Paolo Pesciatini ed esprimere il massimo della soddisfazione per una decisione che abbiamo richiesto tra le altre come decisiva per la sopravvivenza di tante imprese del commercio, del turismo e dei servizi”.

E’ questo il commento a caldo del direttore di Confcommercio Provincia di Pisa alla delibera di giunta di Palazzo Gambacorti che ha stanziato 393 mila euro come rimborso tari per le utenze non domestiche.

“L’emergenza pandemica purtroppo continua, tanto che il Governo ha dovuto prorogare lo stato di emergenza fino a marzo 2022 e ha esteso la gratuità del suolo pubblicoifino a marzo 2022. E’ fin troppo evidente che insieme alla pandemia sanitaria si è creata una analoga pandemia economica e sociale” – aggiunge il direttore Pieragnoli che auspica che – “l’esempio del comune di Pisa sia seguito da tutti gli altri comuni della provincia”.

“Il sistema delle imprese del terziario, che nella provincia di Pisa concorrono per il 53% del valore aggiunto, e danno lavoro ad oltre 70 mila persone, è a rischio tenuta. Occorre che stato centrale ed enti locali facciano fino in fondo la loro parte per evitare la chiusura di tante piccole e medie imprese. Gli interventi del Governo in materia di Irpef e Irap vanno considerati come una prima tappa del processo di riduzione della pressione fiscale. Ma ci sono altre priorità: interventi in materia cartelle esattoriali, rincari delle bollette, suolo pubblico. Il congelamento della Cosap sia estesa per tutto il 2022 è una richiesta che non può essere elusa in alcun modo. In questi due anni di pandemia i comuni hanno dimostrato straordinaria vicinanza e attenzione alle esigenze delle imprese. Non dubitiamo che questo possa accadere anche nel 2022” – conclude il direttore Pieragnoli.

Per ulteriori informazioni:

scrivi
chiama
Condividi la notizia: