Secondo quanto stabilito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dal 1 giugno 2013 tutte le aziende, anche quelle con meno di 10 lavoratori, dovranno essere in possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR). Da tale data scadrà infatti il valore formale di un’autocertificazione ai sensi dell’art. 29.

E’ opportuno sottolineare che il non adeguamento del DVR corrisponde, ai fini sanzionatori, ad una mancata valutazione dei rischi presenti nell’ambiente di lavoro.

Riportiamo di seguito le sanzioni previste per il datore di lavoro in caso di violazioni inerenti la stesura del DVR (art. 55 del D.Lgs. 81/08 così come modificato dal D.Lgs. 106/09):

  • Omessa redazione del DVR: Arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 a 6.400 €
  • Incompleta redazione del DVR: Ammenda da 1.000 a 4.000 €

Per maggiori informazione potete contattare il nostro ufficio Sicurezza Qualità e Ambiente

Condividi la notizia: