In tanti rischiamo di chiudere!

Fa discutere la notizia della prossima apertura di un supermercato nella piazza centrale di Tirrenia. Per il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli “purtroppo la legge lo consente e dal punto di vista normativo, per quanto possiamo sforzarci, c’è ben poco da fare. Naturalmente il proprietario del fondo è libero e ha piena facoltà di affittarlo a chi ritiene più idoneo, ma è interesse dello stesso proprietario avere uno sguardo un può più lungimirante rispetto alla crescita e allo sviluppo armonico della zona, perché quando si impoverisce troppo un territorio alla fine dei giochi più nessuno ci guadagna”.

“Premetto che parliamo di una trattativa tra privati, e come tale insindacabile” – sottolinea Virgilio Ruglioni, presidente di Confcommercio Tirrenia: “è evidente che tutti noi speravamo in una soluzione migliore per Tirrenia, dove un supermercato nella piazza centrale è obbiettivamente fuori contesto. Consideriamo anche i disagi che si verranno a creare in quella piazza per eventi, iniziative, mercati, semplicemente con i via vai di camion che ci sarà”.

“Non entro nel merito della scelta del privato, peraltro legittima” – conferma Luca Ravagni, presidente di ConfLitorale Confcommercio: “E’ evidente che una differente tipologia di attività sarebbe stata la scelta migliore, visto che l’obiettivo di tutti è quello di incrementare la vocazione turistica di Tirrenia. E poi, non sottovalutiamo i riflessi negativi che questa nuova apertura può portare sulle attività al dettaglio di questa zona, come il panificio, l’alimentare e altre dello stesso tipo.

“Aprire un supermercato nella piazza centrale di Tirrenia è semplicemente una assurdità” – dichiara l’imprenditore Cristiano Scarpellini della gelateria Toto: “all’inizio pensavo che fosse una barzelletta, adesso scopriamo che la cosa è vera. Nel contesto della piazza centrale di Tirrenia, con i parcheggi a pagamento, la chiesa, il relativo contesto, una cosa del genere è davvero impensabile. Sono contrarissimo, in nessuna altra località turistica può accadere un fatto simile”.

Contraria all’apertura del supermercato anche Veronica Orlandi del panifico “Il pane per i tuoi denti”: “Creerà un danno non solo alle rivendite alimentari, ma anche a bar, ristoranti e altre attività commerciali. Già c’è la crisi, con questa nuova apertura siamo in tanti che rischiamo di chiudere. Chi affitta un pensiero su questo lo dovrebbe fare. Anche a livello di immagine, questo continuo giro di carrelli, camion, non è un bel biglietto da visita. E anche per i parcheggi, sarà un ulteriore e ancora più grave problema”.

Per ulteriori informazioni:

scrivi
chiama