Alle imprese esercenti punti vendita esclusivi per la rivendita di giornali e riviste è riconosciuto un contributo per le spese sostenute nell’anno 2023:

  • IMU
  • TASI
  • COSAP
  • TOSAP
  • TARI
  • Canoni di locazione
  • Servizi di fornitura di energia elettrica
  • Servizi telefonici e di collegamento ad Internet
  • Acquisto o noleggio di registratori di cassa o di registratori telematici
  • Acquisto o noleggio di dispostivi POS e altre spese sostenute per la trasformazione digitale e l’ammodernamento tecnologico

Per l’ammissione al beneficio è necessario:

  • L’esercizio dell’attività di rivendita esclusiva di giornali e riviste, con l’indicazione nel registro delle imprese del codice di classificazione ATECO 47.62.10, quale codice di attività primario e/o prevalente.
  • Non essere sottoposti a procedure di liquidazione volontaria, coatta amministrativa o giudiziale.

Il contributo, pari al 50 per cento delle spese sostenute nel periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2022, al netto dell’IVA ove prevista, è riconosciuto con riferimento alle seguenti voci di spesa:

  • Imposta municipale unica – IMU;
  • Tassa per i servizi indivisibili – TASI;
  • Canone per l’occupazione del suolo pubblico – COSAP;
  • Tassa per l’occupazione del suolo pubblico – TOSAP (ove istituita dalle amministrazioni proprietarie delle aree, in alternativa al COSAP);
  • Tassa sui rifiuti – TARI;
  • Spese per canoni di locazione;
  • Spese per i servizi di fornitura di energia elettrica;
  • Spese per i servizi telefonici e di collegamento a Internet;
  • Spese per l’acquisto o il noleggio di registratori di cassa o registratori telematici e di dispositivi POS;
  • Altre spese sostenute per la trasformazione digitale e l’ammodernamento tecnologico.

Per qualsiasi informazione e per accedere al contributo, i nostri uffici sono a vostra disposizione:

Elisabetta Luppichini