Alla Domus Comeliana la VII edizione della kermesse organizzata dal Gruppo Terziario Donna Confcommercio Pisa

Un ritorno in grande stile quello del Premio Donna Impresa di Confcommercio. Un poker di eccellenze, quattro donne e imprenditrici pisane sono state insignite del titolo sabato 25 maggio nella suggestiva cornice della Domus Comeliana, a due passi da Piazza dei Miracoli, allestita per l’appuntamento dedicato all’imprenditoria femminile organizzato dal Gruppo Terziario Donna Confcommercio Pisa, con la compartecipazione della Camera di Commercio Toscana Nord-Ovest – Terre di Pisa, il patrocinio della Regione Toscana e il contributo di Banca di Pescia e Cascina, Grassini Impianti, DevItalia Telecomunicazioni, Edilcomes, Iperstudio, Daniela Pretini, Scuola di Danza Elsa Ghezzi, Evinco Group e Foto Ottica Giovanni Allegrini.

Il Premio Donna Impresa 2024 è andato alle sorelle Laura e Mariella Torri (Perignano) fondatrici di Softhouse, azienda leader nel settore dell’arredo di boutique hotel, yacht e dimore di lusso; a Daniela Giusfredi (Pisa), titolare di BB Maison, boutique di eleganti accessori e capi d’abbigliamento da donna con sedi a Pisa e a Viareggio; a Barbara Simoncini (Perignano), della Locanda Lo Scopiccio, ristorante capace di unire alle specialità del territorio idee dalle cucine di tutto il mondo. Uno speciale premio alla carriera è stato conferito a Stefania Zucchelli (Pisa), direttrice artistica della Scuola di Danza Elsa Ghezzi, realtà d’eccellenza per lo studio della danza classica e moderna che ha raggiunto il traguardo dei 60 anni di attività. Le premiate hanno ricevuto in omaggio quattro opere uniche appositamente create dallo scultore Paolo Vannucchi.

Il premio Donna Impresa ha visto la partecipazione di quattro relatrici d’eccellenza: il Prefetto di Pisa Maria Luisa D’Alessandro, il Capo Gabinetto della Regione Toscana Cristina Manetti, la Direttrice generale della Scuola Superiore Sant’Anna Alessia Macchia e il segretario generale della Camera di Commercio della Toscana Nord-Ovest Cristiana Martelli, che hanno affrontato i principali temi del mondo dell’imprenditoria femminile.

Molto ricca la platea di autorità dall’assessora alle Pari Opportunità della Regione Toscana Alessandra Nardini, il sindaco di Pisa Michele Conti, e gli assessori Paolo Pesciatini (Commercio), Frida Scarpa (Politiche giovanilli) e Gabriella Porcaro (Pari Opportunità), il sindaco e il vicesindaco di di Casciana Terme Lari Mirko Terreni ed Elisa Di Graziano, il comandante provinciale dei Carabinieri Mauro Izzo, il presidente dell’Ente Parco San Rossore, Migliarino e Massaciuccoli Lorenzo Bani, la delegata del Rettore dell’Università di Pisa alle Relazioni industriali Chiara Galletti. Ha moderato il direttore di Confcommercio Pisa Federico Pieragnoli.

Questa è una giornata importante” afferma il presidente di Confcommercio Pisa Stefano Maestri Accesi. “Vorremmo che da Pisa partisse un messaggio di cambiamento, visto che la nostra città è avanti anni luce grazie alle tante donne che hanno raggiunto posizioni di vertice. Purtroppo l’Italia in quanto a Pari Opportunità è fanalino di coda in Europa, soltanto il 55% delle donne in età lavorativa è effettivamente occupata, contro il 69% della media degli altri Paesi Ue. Un gap che dobbiamo assolutamente colmare”.

Il Premio Donna Impresa festeggia l’imprenditoria femminile” spiega la presidente del Terziario Donna Confcommercio Pisa Valeria Di Bartolomeo “e nasce per celebrare la forza, la bellezza, il coraggio e la professionalità delle imprenditrici del territorio. Alle vincitrici doniamo una scultura che rappresenta una donna non soltanto lavoratrice, ma anche una donna che affronta sacrifici, che si prende cura della famiglia e che porta una borsa piena di sogni e progetti”.

Unitevi sempre di più e conquistate ogni centimetro” il messaggio del Prefetto di Pisa Maria Luisa D’Alessandro. “Le donne premiate in questa occasione sono eccellenze che fanno onore allo Stato italiano e sono la dimostrazione di quanto ogni cosa vada conquistata, perché nessuno regala niente: l’unica strada per riuscirci è fare squadra e avere obiettivi comuni”. Il Capo Gabinetto della Regione Toscana Cristina Manetti evidenzia come la Regione “stia portando avanti una battaglia tenace in favore della parità di genere, mettendo in campo risorse importanti, come i bandi per l’imprenditorialità pari a 132 milioni che prevedono criteri di premialità in favore dell’imprenditoria femminile e politiche di welfare come gli asili nido gratis per famiglie con Isee inferiore a 35mila euro”.

L’Università può e deve fare ancora di più per favorire l’orientamento e mostrare gli sbocchi professionali: cerchiamo il talento e aiutiamolo a crescere fin dalle scuole, anche per formare gli imprenditori e le imprenditrici di domani” l’invito della Direttrice generale della Scuola Superiore Sant’Anna Alessia Macchia. “Nella provincia di Pisa il 20% delle imprese è a conduzione femminile, praticamente una su cinque, un dato in linea con quello regionale e nazionale e costante da ormai 10 anni, mentre qualcosa è cambiato nella costituzione delle cariche sociali: amministratrici e socie nelle ditte individuali femminili sono salite al 25%” i numeri snocciolati dal segretario generale della Camera di Commercio della Toscana Nord-Ovest Cristiana Martelli.

Per maggiori dettagli e informazioni:

Agnese Profeti