Incendio Monte Pisano – Patto di collaborazione con il comune di Calci

Home » Blog » Incendio Monte Pisano – Patto di collaborazione con il comune di Calci

Incendio Monte Pisano – Patto di collaborazione con il comune di Calci

Sindaco Ghimenti e Presidente Grassini: “Affrontiamo insieme questa emergenza per sostenere le aziende colpite. C’è bisogno di tutto, donazioni ma anche mezzi e uomini, moratorie sui mutui e campagne di sensibilizzazione”

Mantenere alta l’attenzione e la mobilitazione dell’opinione pubblica per sostenere il Monte Pisano. E’ questo l’esito più evidente dell’incontro che ha visto uno di fronte all’altro il sindaco di Calci Massimiliano Ghimenti e i vertici di ConfcommercioPisa, con in testa la presidente Federica Grassini, il direttore Federico Pieragnoli e il referente territoriale Luca Favilli.

Abbiamo siglato un vero e proprio patto di collaborazione” – così lo definisce la presidente Federica Grassini – “mettendoci a disposizione completa del sindaco e del comune di Calci, che ringraziamo per l’impegno e la dedizione dimostrata nel corso di questo disastro. Insieme vogliamo affrontare questa emergenza e sostenere al massimo possibile le aziende colpite. Le difficoltà e i problemi sono ancora tantissimi, la Regione Toscana ha già proclamato lo stato di calamità ed è pronta a stanziare ulteriori fondi, ci aspettiamo che il Governo faccia lo stesso”.

Abbiamo coinvolto la Confcommercio nazionale per ottenere un contributo a sostegno delle aziende colpite, mentre nel frattempo abbiamo inviato le coordinate bancarie della Regione Toscana a tutte le nostre aziende associate qualora intendessero offrire una donazione e un sostegno economico” – aggiunge il direttore Pieragnoli: “Allo stesso tempo sono graditi i versamenti diretti alle aziende private, a Calci penso ai ristoranti “Le Porte” e “I Cristalli”, severamente danneggiati dall’incendio e raggiungibili soltanto dal versante di Buti, la Cooperativa agrituristica del Lungomonte Pisano che è chiusa, l’apicoltura “La valle graziosa” e l’azienda agricola Papa Nicoletta. I contributi possono essere forniti anche sotto forma di servizi e forza lavoro, mezzi scavatori e persone, utilissimi a contribuire a ripristinare una situazione di sicurezza”.

Purtroppo la strada provinciale del Serra è interrotta e non sarà una lavoro semplice e immediato ripristinare la consueta viabilità” – ammette la presidente Federica Grassini al termine del colloquio con il sindaco Ghimenti. Oltre ad un capillare lavoro di sensibilizzazione “ci faremo promotori di un intervento diretto verso gli istituti di credito sostenendo presso di loro la necessità di una moratoria sui mutui e sui finanziamenti per tutte quelle aziende colpite dall’incendio”.

Siamo perfettamente d’accordo con il presidente di Coldiretti Fabrizio Filippi quando rivendica la necessità di una collaborazione tra enti pubblici, associazioni e privati” – conclude il direttore Pieragnoli che ricorda infine che “i contributi possono essere inviati sul conto corrente del Monte dei Paschi IT80L0103002818000000434331 (utilizzando la causale «Monte Serra rinasce»).

Condividi la notizia:
2018-10-03T14:46:57+00:00