Le pizzerie di Pisa e provincia si sfideranno per sfornare la cecina più buona. A decretare i vincitori saranno i lettori del Tirreno

Ritornano dopo quattro anni, proprio come le Olimpiadi, per una nuova e appassionante sfida a colpi di tagliandi che metterà di fronte le pizzerie di Pisa e provincia. È tutto pronto per la seconda edizione delle “Ceciniadi” – Le Olimpiadi della Cecina, il concorso a premi organizzato da Confcommercio Provincia di Pisa, Il Tirreno e Associazione Cecinai Pisa e Provincia, con il patrocinio della Camera di Commercio della Toscana Nord-Ovest.

A partire da lunedì 18 marzo i pizzaioli di tutta la provincia si metteranno in gioco in una gara all’insegna del gusto, della passione e della competizione, pronti a sfidarsi con un unico obiettivo: sfornare la cecina più buona di Pisa e della provincia. Una vera e propria “primavera della cecina”, con il duplice obiettivo di valorizzare un piatto storico e fortemente rappresentativo dell’identità e della tradizione del territorio.

“Ringraziamo Il Tirreno e tutti i professionisti del food che permettono a un prodotto identitario del nostro territorio come la cecina di essere protagonista” le parole del direttore di Confcommercio Pisa Federico Pieragnoli. “Le Ceciniadi sono una grande opportunità per tutti e le organizziamo proprio con l’obiettivo di valorizzare questo prodotto e le persone che lo preparano ogni giorno lavorando dietro il bancone con impegno e serietà”.

“Abbiamo concentrato le Ceciniadi nel periodo primaverile” spiega Valentina Landucci, caposervizio della redazione di Pisa del Tirreno. “La cecina è un piatto ideale per restare in forma ed esprime tutta la genuinità del territorio, vogliamo farlo conoscere nel miglior modo possibile. Dopotutto la vocazione del nostro giornale è anche quella di legarsi ad eventi in grado di promuovere e valorizzare il bello e il buono dei nostri territori, coinvolgendo in questa occasione i produttori di cecina e i pizzaioli, per farli conoscere e magari crescere insieme a noi”.

“La cecina è da sempre un prodotto tipico pisano e quella preparata a Pisa e provincia è veramente di ottimo livello, sarebbe importante la creazione di un marchio che contraddistingua il prodotto e di un disciplinare che stabilisca delle regole sulla sua produzione, con l’ambizione di arrivare a un riconoscimento europeo” l’auspicio del presidente della Camera di Commerciale della Toscana Nord-Ovest Valter Tamburini.

“La nostra associazione nasce con l’idea di dare luce alle imprese pisane attraverso un prodotto d’eccellenza come la cecina, ringraziamo tutti coloro che hanno sostenuto il nostro progetto insieme a pizzaioli e cecinai del territorio. Le Ceciniadi sono un’iniziativa divertente che ci permette di poter giocare facendo impresa,” afferma il presidente dell’Associazione Cecinai Pisa e Provincia Massimo Savino.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione il vicepresidente vicario di Confcommercio Pisa Alessandro Trolese, il presidente Area Vasta Confcommercio Pisa Alessandro Simonelli, l’assessore al Commercio del Comune di Pisa Paolo Pesciatini, l’assessore al Commercio del Comune di Cascina Bice Del Giudice e l’assessore al Turismo del Comune di Volterra Viola Luti.

A decretare i vincitori saranno i lettori del Tirreno, che attraverso un apposito coupon presente sul giornale nei prossimi due mesi potranno votare la loro cecina preferita tra quella delle pizzerie aderenti e consegnare il tagliando nelle urne che saranno esposte in bella mostra nelle attività. Grande risalto all’iniziativa sarà assicurato dalla campagna social realizzata sui canali Facebook e Instagram di Confcommercio Pisa e del Tirreno.

Come per la prima edizione ci saranno due classifiche: una per la cecina più votata tra le pizzerie di Pisa e una per la cecina più votata tra le pizzerie della provincia, oltre a un nuovo premio speciale dedicato a un appassionato “mangiatore di cecina”, attraverso un apposito concorso fotografico.

I vincitori delle due classifiche si sfideranno in una finalissima in campo neutro, dove sarà proclamato il campione assoluto. Nella prima edizione fu la Pizzeria Da Nando a trionfare tra le pizzerie di Pisa, mentre in provincia a sbaragliare la concorrenza fu la Pizzeria La Casaccia di Caprona (Vicopisano).

Proprio come nelle Olimpiadi, le qualità principali saranno sportività, voglia di mettersi in gioco, passione, e professionalità. Tutti ingredienti che non mancano ai migliori pizzaioli e chef del nostro territorio.

Le pizzerie che hanno già inviato la propria adesione sono: Pizzateca (Pisa), Pizzeria Zio Tony (Calci), Il Montino (Pisa), Pizzeria Da Nando (Pisa), Voglia di Pizza (Calci), Pizza&Pasta (Pisa), Il Pizzicotto (Cascina), Il Moreccio (Navacchio – Cascina), La Torre di Pizza (Navacchio – Cascina), Pizzeria Al Bagno di Nerone (Pisa), L’Arciere (Pisa), Pizzeria da Teresa (Pisa), Pizzeria Ungherese (Pisa), Pisa Pizza (Pisa), La Spigolatrice (Pisa), La Vecchianella (Vecchiano), L’Incontro (Bientina), La Casaccia (Caprona – Vicopisano), La Meridiana (Perignano – Casciana Terme Lari), Il Cantuccio da Ale (Ponsacco).

Per maggiori dettagli e informazioni:

Arianna Gherardeschi