Legalità mi piace: Al via “No falso. No Fake” la campagna Confcommercio Pisa

Home » Blog » Legalità mi piace: Al via “No falso. No Fake” la campagna Confcommercio Pisa

Legalità mi piace: Al via “No falso. No Fake” la campagna Confcommercio Pisa

“Siamo solo all’inizio, ma la strada intrapresa è quella giusta e l’augurio che possiamo formulare è che fra un anno i numeri su sicurezza e legalità siano migliori”. Si è chiuso con questo auspicio della presidente di Confcommercio Provincia di Pisa Federica Grassini la giornata nazionale Legalità mi piace! L’associazione pisana ha chiamato a raccolta presso la propria sede direzionale le massime autorità militari e civili sul tema della sicurezza e della legalità: il prefetto vicario Romeo Valerio Massimo, il questore Paolo Rossi, il comandante dei Carabinieri Nicola Bellafante, il comandante della Guardia di Finanza Giancarlo Franzese, l’assessore al commercio e turismo del comune di Pisa Paolo Pesciatini, il comandante della polizia municipale di Pisa Michele Stefanelli, oltre ai delegati di molti comuni della provincia di Pisa. “No falso.No fake.” è la campagna lanciata nel corso dell’incontro dalla presidente Grassini, campagna di sensibilizzazione sui temi dell’acquisto illegale e di valorizzazione del commercio, finalizzata a disincentivare i turisti, attraverso un messaggio in più lingue, a comprare merce contraffatta.

No falso, no fake è una campagna di sensibilizzazione in più lingue destinata a disincentivare l’acquisto di merce contraffatta dai venditori abusivi” – ha spiegato la presidente Federica Grassini, dopo aver sottolineato la necessità delle ordinanze emesse dal comune di Pisa, frutto di una situazione di emergenza straordinaria: “si tratta di realizzare da un lato una convincente cartellonistica pubblica da installare nei punti di maggior frequenza turistica e dall’altro dei forex da portare all’interno delle attività commerciali, con un messaggio non tanto punitivo quanto di valorizzazione del commercio locale. Alla luce di una ottica di collaborazione, chiediamo il coinvolgimento della Prefettura e dell’amministrazione comunale di Pisa in questa iniziativa”.

Piena adesione al progetto targato ConfcommercioPisa è giunta sia dall’assessore Pesciatini che dal prefetto vicario Romeo che ha richiamato la necessità di interventi repressivi per risolvere i tanti problemi della sicurezza a Pisa: “Siamo tutti d’accordo che i venditori abusivi non devono vendere, perchè questo è illegale e rappresenta un danno al commercio pisano. Sul contrasto al commercio ambulante abusivo e gli altri reati si sta facendo molto da parte di tutte le forze dell’ordine e della polizia municipale. Noi tiriamo dritti, c’è bisogno di una azione repressiva forte, perchè la prevenzione da sola non può bastare a risolvere questi problemi. Ci vorrà del tempo, ma tutti insieme ce la potremo fare”. Un forte richiamo al concetto di sicurezza partecipata è giunto dal questore Paolo Rossi.

Condividi la notizia:
2018-11-23T12:19:20+00:00