Confcommercio ringrazia i tecnici di E-Distribuzione per la risoluzione dell’interruzione di energia elettrica che ha interessato numerose attività

“Proprio nella sera del 15 agosto un guasto sulla rete di distribuzione dell’energia elettrica ha rischiato di rovinare il Ferragosto di molti negozi e locali di Marina di Pisa, e solo il tempestivo intervento di Enel ha permesso di risolvere l’imprevisto in pochi minuti”. Il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli ringrazia la società “e in particolare i tecnici di E-distribuzione di Pisa per aver scongiurato uno scenario da incubo per le tante attività interessate”.

“Intorno alle 22.30, uno degli orari in cui negozi, bar e ristoranti sono maggiormente frequentati dai clienti, un’improvvisa interruzione di energia ha fatto temere il peggio, ma grazie alle pronte segnalazioni dei commercianti e al celere intervento dei tecnici incaricati il guasto è stato risolto velocemente, permettendo a negozi e attività di poter lavorare in condizioni di sicurezza e garantire la qualità del proprio servizio ai tanti clienti e visitatori che hanno scelto Marina di Pisa per trascorrere il Ferragosto”.

“Senza voler esprimere giudizi, siamo consapevoli di quanto il clima torrido e gli importanti carichi di lavoro a cui sono sottoposti gli impianti mettano a dura prova il servizio di distribuzione dell’energia” afferma il presidente del Sindacato Italiano Balneari (Sib) Confcommercio Provincia di Pisa Fabrizio Fontani. “Ma siamo altrettanto convinti che una gestione efficiente sia dell’ordinaria amministrazione che delle emergenze, come dimostrato in questa occasione, possa garantire un servizio efficace nei confronti dei tanti imprenditori che in questo periodo dell’anno vivono una delle fasi più intense della propria attività”.

“Gli imprevisti purtroppo sono all’ordine del giorno, ma poter contare su un servizio efficiente ci permette di lavorare più tranquilli, proprio come dimostrato con il guasto di Ferragosto, e ci teniamo a ringraziare Enel per la tempestività dimostrata”.

Per ulteriori informazioni:

scrivi
chiama
Condividi la notizia: