Parcheggiatori abusivi: un racket inaccettabile sulla pelle di turisti e cittadini

Pieragnoli (Direttore ConfcommercioPisa) “Multare i cittadini non è la soluzione”

Pisa 11 gennaio 2017 – Secondo ConfcommercioPisa il fenomeno dei parcheggiatori abusivi ha raggiunto livelli insostenibili. “Ben venga il rinnovato interesse del Prefetto e delle forze dell’ordine su questa piaga estesa in molti punti della città, e che affligge quotidinamente cittadini e turisti – interviene il direttore della Confcommercio di Pisa – “ma è chiaro che occorre da parte della Forze di Polizia un impegno specifico e una attenzione costante e prolungata”.

Multare chi acconsente a pagare questo odioso obolo non ci sembra una soluzione” – prosegue il direttore della ConfcommercioPisa – “ma una scelta che  penalizza ulteriormente solo chi corre il rischio molto concreto di vedersi l’auto danneggiata se non qualcosa di peggiore. Anche la stessa multa comminata a questi abusivi, per quanto meglio di niente, raramente serve a qualcosa. Qualcuno ha mai visto un abusivo pagare una multa?”

Purtroppo” – prosegue Pieragnoli – “quello dei parcheggiatori abusivi è solo la triste punta di un iceberg alla cui base si trovano i ben noti fenomeni di abusivismo commerciale e di contraffazione, che trova nella nostra città uno dei maggiori punti di smercio dell’intera Toscana. Nel nuovo Piano di Controllo Coordinato del Territorio l’attività di contrasto del commercio abusivo e dei parcheggiatori abusivi è espressamente ed eplicitamente dichiarata. Insomma, dalle buone intenzioni è giunto il momento di passare ai fatti”.

Il rimpallo di competenze e responsabilità tra forze di poliza e municipale non ci interessa – conclude Pieragnoli: “c’è da spezzare un racket che fa affari, tanti affari sulla pelle di questi abusivi, compromette l’immagine della città, danneggia il commercio regolare, peggiora la qualità della vita dei cittadini”.

Condividi la notizia: