Inaccettabile denigrare il lavoro di colleghi in difficoltà

Partire subito con la pedonalizzazione del lungomare di Marina. Confcommercio Provincia di Pisa per bocca del suo direttore Federico Pieragnoli, rivolge un appello direttamente al comune: “Saranno almeno tre le lettere che abbiamo inviato, senza ancora ricevere la risposta di una data certa di inizio della chiusura. Data che per noi, considerando le condizioni attuali e l’importanza decisiva che i dehors rivestono per le attività commerciali, non può che partire da adesso. Gran parte dei comuni d’Italia sono impegnati nel riconoscere agevolazioni di vario tipo e il massimo di suolo pubblico possibile. Non solo il Governo ma la stessa Associazione dei Comuni ANCI ha dato indicazioni precise ai sindaci di muoversi nella direzione di agevolare il più possibile provvedimenti di estensione del suolo pubblico e di pedonalizzazione. È una grande opportunità per il litorale, non può essere sprecata”.

“Sabato è il 1° maggio, la festa di tutti i lavoratori. Le chiusure e le restrizioni da oltre un anno a questa parte hanno reso quasi impossibile il lavoro degli imprenditori. Chiudiamo strade, piazze, vie e apriamole al lavoro di tante imprese familiari che devono andare avanti, per loro e per una migliore fruizione del nostro litorale – aggiunge Pieragnoli, che coglie l’occasione di respingere al mittente strumentalizzazioni di vario genere: “Leggo le polemiche e le rivendicazioni del presidente Cordoni e le trovo sterili, inopportune, fuori tempo. Permettersi di entrare nel merito e denigrare continuamente il lavoro e le legittime richieste di tanti suoi colleghi che lottano disperatamente ogni giorno per restare a galla è un atteggiamento discutibile e inaccettabile. Tanto più da chi fa un altro mestiere e dovrebbe occuparsi di fare la propria stagione senza ostacolare il lavoro e le esigenze delle altre imprese. Pensi per sé e non si permetta di entrare nel merito del lavoro di altri. Considero inoltre scandaloso che, a fronte di una rappresentanza di oltre trenta imprese di via Maiorca che ne chiedono la chiusura” – conclude il direttore – “la preoccupazione principale di Cordoni sia quella dei residenti. A conferma della strumentalità di questa posizione e del fatto che alle prossime elezioni potrà finalmente correre da candidato”.

Per ulteriori informazioni:

scrivi
chiama
Condividi la notizia: