Ponte di Lugnano
Contributi alle aziende danneggiate

C’è tempo fino al 23 dicembre per presentare domanda.
Ma intanto sul ponte è ancora in vigore il senso unico alternato

Il Comune di Cascina stanzia 10 mila euro per le aziende direttamente coinvolte dal lungo periodo di chiusura del ponte di Lugnano. A darne l’annuncio è Confcommercio Provincia di Pisa per bocca del suo presidente di Cascina Marcello Mosca: “E’ stata una nostra richiesta sin dall’inizio di questa lunga vicenda. In particolare, a soffrirne le conseguenze sono stati i negozi e le attività di via Nazario Sauro, la strada che conduce al ponte, e che di colpo si sono trovate tagliate fuori dai normali flussi di traffico e dal consueto “giro”. Ringraziamo l’amministrazione comunale di Cascina per aver accolto concretamente la nostra proposta di sostegno agli imprenditori danneggiati”.

Ponte che peraltro è ancora a senso unico alternato, nonostante le promesse della Provincia, che ne aveva preannunciato la riapertura totale entro l’autunno, ma evidentemente si riferiscono ad un calendario totalmente diverso” – puntualizza il responsabile territoriale di Confcommercio Luca Favilli.

Per ottenere i rimborsi occorre fare presto. “C’è tempo fino al prossimo 23 dicembre per presentare la domanda” – chiarisce ancora Favilli: “le aziende interessate possono rivolgersi direttamente a Confcommercio per istruire la pratica e tutta la necessaria documentazione. Il bando prevede un contributo di € 1.500 euro per coloro che possono dimostrare perdite e mancati incassi dal 15% fino al 25% rispetto all’anno precedente, mentre chi è stato danneggiato oltre il 25% del proprio fatturato potrà ottenere un rimborso di 2.000 euro.”

Esprime soddisfazione l’assessore al commercio di Cascina Patrizia Favale: “L’obiettivo di stanziare i fondi entro l’anno in corso è stato ampiamente raggiunto in virtù di un rapporto di collaborazione con Confcommercio, sempre molto attenta a sostenere commercianti e artigiani del nostro territorio”.

Per presentare domanda rivolgersi a:

Luca Favilli

scrivi
chiama
Condividi la notizia:
error