Ponte Lugnano – “Vertice con il sindaco: accorciare i lavori di 18 giorni è possibile!”

L’obiettivo prioritario è quello di ridurre al massimo possibile i tempi di chiusura del ponte. E per questo è assolutamente necessario che si lavori tutti i giorni, ferragosto e domeniche comprese. Con questa posizione, il direttivo Confcommercio di Lugnano ha incontrato questo pomeriggio il sindaco di Vicopisano Matteo Ferrucci: “Lo ringraziamo per la disponibilità e l’attenzione dimostrata rispetto alle legittime esigenze delle imprese” – commentano il presidente del comitato dei commercianti Luigi Cecchi, insieme al referente Confcommercio Luca Favilli, alla guida di una delegazione di imprenditori di Lugnano: “Il sindaco ha condiviso le perlessità delle imprese e dei commercianti e si farà portavoce presso la stessa Provincia di Pisa affinché i lavori sul ponte non si interrompano durante la settimana di ferragosto e allo stesso tempo che si lavori anche la domenica. Considerando che sono 11 le settimane previste di chiusura, più un’altra settimana di stop prevista a ferragosto, sommando l’una e le altre si possono recuperare alla circolazione diciotti giorni, anticipando significativamente la riapertura alla circolazione dello stesso ad oggi prevista per il prossimo 2 settembre”.

E’ chiaro che ci aspettiamo soprattutto dalla provincia di Pisa risposte tempestive, perchè ad un primo, clamoroso errore, ovvero quello di non considerare la ricaduta sul tessuto economico locale di un simile provvedimento di chiusura totale, non ne debbano seguire necessariamente altri e altrettanto nocivi per le imprese del territorio” – evidenziano Cecchi e Favilli, che concludono: “Monitoriamo costantemente la situazione del ponte, attraverso la costituzione di un tavolo permanente, che prevede contatti frequenti con il sindaco di Vicopisano, dal quale ci aspettiamo risposte concrete, tanto che abbiamo fissato un nuovo incontro con lo stesso Ferrucci il prossimo 27 giugno. Augurandoci, nel frattempo, di avere qualche risposta positiva”.

Condividi la notizia:
error