Nessuno contesta la bontà del concerto organizzato dal comune per la festa dell’ultimo dell’anno, ma diventa assai difficile, visti gli effetti dannosi, comprendere perché la sosta delle auto sul “piazzone” sia completamente inibita già dal venerdì e per due giorni consecutivi. A parlare è Mickey Condelli, presidente di Confcommercio Pontedera e Alessio Giovarruscio, responsabile sindacale di Confcommercio: “A parte che nessuna forma di concertazione e condivisione è stata attuata, ancora una volta ci ritroviamo a dover gestire un autentico pasticcio a cose fatte, così come ci è stato segnalato dai commercianti sin da questa mattina. Possibile che sia tanto difficile comprendere che stravolgere la viabilità e soprattutto impedire la sosta su piazza Martiri della Libertà per 48 ore consecutive, in un fine settimana, vuol dire creare un forte danno economico sotto forma di mancati incassi alle attività che sono presenti e lì lavorano per tutto l’anno? – si domanda incredulo il presidente Condelli: “Nessuno di noi contesta gli eventi, che anzi ce ne vorrebbero molti di più, alla luce di un anno 2022 assolutamente deludente, ma che questo comporti la soppressione di tanti parcheggi e il sacrificio economico di negozi e attività commerciali è sinceramente inaccettabile”.

Nella situazione di una piazza completamente off limits ben 48 ore prima dell’evento, con un venerdì e un sabato di lavoro importanti per i negozi, abbiamo chiesto che fosse consentita la sosta almeno in una parte della piazza non direttamente coinvolta dal montaggio del palco – aggiunge Giovarruscio: “peccato che la nostra richiesta sia caduta nel vuoto, con il vicesindaco Alessandro Puccinelli, che se non altro ci ha almeno ascoltato, anche se poi alla fine nulla è stato fatto, e con l’assessore Mattia Belli, evidentemente impegnatissimo in altre faccende, che non ha trovato un minuto del suo preziosissimo tempo neppure per rispondere al telefono. Diciamo che se questa è la collaborazione che viene offerta ai commercianti ogni qual volta che c’è un problema, ne possiamo tutti fare tranquillamente a meno”.

Per maggiori dettagli e informazioni:

Alessio Giovarruscio

scrivi
chiama
scrivi
chiama