Proroga Bolkestein: Pisa ha giocato un ruolo fondamentale

Home » Blog » Proroga Bolkestein: Pisa ha giocato un ruolo fondamentale

Proroga Bolkestein: Pisa ha giocato un ruolo fondamentale

“Una grande notizia, era l’ora che si trovasse una soluzione”. Esulta Confcommercio Provincia di Pisa alla proroga di 15 anni per i balneari: “Un intero settore del nostro turismo nazionale è stato bloccato per oltre 9 anni a causa di questa famigerata Direttiva Europea Bolkestein che con i nostri balneari non c’entra assolutamente nulla” – ammette il direttore Federico Pieragnoli.

“Siamo ad una svolta, torna finalmente la speranza per oltre 30.000 imprese e 100.000 lavoratori. Da parte nostra non possiamo che ringraziare il commissario della Lega Susanna Ceccardi che si è fatta portavoce in prima persona delle istanze dei balneari, prima presso il ministro Matteo Salvini durante la cena sul Ponte di Mezzo, in seguito, il 14 settembre scorso con il ministro Centinaio ospite del nostro convegno. In questa importante partita, Pisa ha svolto un ruolo di fondamentale importanza”.

“Per un giudizio definitivo, aspettiamo di vedere la norma approvata ma l’annuncio del ministro del turismo Gian Marco Centinaio di sospendere l’applicazione della direttiva Bolkestein agli stabilimenti balnenari è un fatto indiscutibilmente positivo”. Fabrizio Fontani, del Sib ConfcommercioPisa accoglie questa notizia con soddisfazione: “Dopo anni di sofferenze per tutta la categoria, questa decisione sarebbe un importantissimo segnale, un primo concreto riconoscimento del valore essenziale e della dignità del nostro lavoro. Un esito che rappresenta anche il giusto riconoscimento dell’impegno dei rappresentanti regionali del Sib in costante collegamento con quei parlamentari che hanno mostrato grande sensibilità e attenzione alla nostra categoria”.

“Il 2020, anno di scadenza delle concessioni, era ormai dietro l’angolo, e questa prolungata incertezza aveva inevitabilmente stoppato gli investimenti. Una volta approvata questa proroga potremo tornare ad occuparci molto di più del nostro lavoro e meno di leggi e normative. La battaglia è ancora lunga, ma adesso abbiamo tutto il tempo davanti per far capire le nostre ragioni”.

Condividi la notizia:
2018-12-20T16:25:34+00:00