Confronto tra gli imprenditori e il Questore di Pisa Gaetano Bonaccorso sul tema della sicurezza in città

Ha visto protagoniste le imprese del centro storico di Pisa “Filo diretto con il Questore”, la seconda tappa della nuova iniziativa ideata da Confcommercio Provincia di Pisa che dà l’opportunità a imprenditori e commercianti di avere un dialogo diretto con il Questore di Pisa Gaetano Bonaccorso.

Al secondo appuntamento, organizzato presso il Royal Victoria Hotel di Lungarno Pacinotti, molti titolari di attività commerciali, professionisti, pubblici esercizi, strutture ricettive di borgo Stretto, via Oberdan, piazza Garibaldi, Lungarni, piazza della Vettovaglie, corso Italia, area stazione e zone limitrofe hanno presentato direttamente al Questore e al Commissario Capo Giovanni D’Allestro le questioni più rilevanti sui temi legati alla sicurezza.

“Ringraziamo il Questore e il Commissario Capo per la loro disponibilità: in oltre 30 anni non è mai capitato che un Questore partecipasse a un confronto diretto con gli imprenditori” afferma il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli. “Indubbiamente sono stati fatti passi avanti, ma alcune criticità rimangono, come ad esempio la gestione della malamovida. La sicurezza è un tema caro a tutti ed è necessario mettere in campo tutte le azioni per salvaguardare il centro storico, cuore pulsante del tessuto economico di Pisa, garantendo agli operatori di lavorare serenamente e allo stesso tempo permettere di vivere a pieno la città”.

Molte le segnalazioni portate all’attenzione del Questore, soprattutto sul preoccupante aumento di furti e danneggiamenti e sui problemi legati alla malamovida nelle strade e nelle piazze del centro. Nel rispondere alle richieste il Questore Gaetano Bonaccorso ha sottolineato l’importanza del confronto diretto con gli imprenditori, garantendo il costante impegno delle forze di Polizia nelle attività di controllo e gli sforzi compiuti sui servizi straordinari negli ultimi tre anni, aumentati dai 20 servizi del 2019 ai 111 del 2021.

Per ulteriori informazioni:

scrivi
chiama
Condividi la notizia: