Nel giro di poche ore due furti al locale La Compagnia e al salone di parrucchiera Hvm

È una vera e propria emergenza quella che colpisce le attività commerciali di Tirrenia. Ad acuire una situazione già grave la serie di furti avvenuti nelle ultime ore al locale La Compagnia, in via dei Fiori, e ai danni del salone di parrucchiere Hvm in via Pisorno.

“Al mattino abbiamo trovato la porta sfondata da un lato, il ladro è entrato e nel giro di quindici minuti ha portato via il fondo cassa, il cellulare, le mance dei camerieri e il tablet per le ordinazioni” racconta amareggiato Andrea Viacava, contitolare del locale La Compagnia. “Ringraziamo innanzitutto i carabinieri del comando di Tirrenia per la loro professionalità e disponibilità, le telecamere hanno ripresa tutto e ci auguriamo che il colpevole venga individuato quanto prima. Purtroppo è davvero sconfortante che nessuno abbia sentito o visto niente”.

Anche al salone di parrucchiera Hvm il ladro “è entrato a volto scoperto ed è stato ripreso dalle telecamere” racconta la titolare Laura De Marco. “Siamo esasperati, è il secondo furto che subiamo in un mese e mezzo, e quello che più fa rabbia è il senso di impunità di certi soggetti che continuano a delinquere. Il ladro è entrato alle 23.40 e io sono uscita dal negozio appena un’ora prima. Non oso pensare a cosa sarebbe potuto succedere”.

“Sotto il profilo della sicurezza le attività del Litorale hanno purtroppo passato una bruttissima estate” afferma il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli “furti e atti predatori sono all’ordine del giorno, e gli ultimi episodi avvenuti a Tirrenia sono la triste conferma di una situazione drammatica. Alle attività colpite va la nostra solidarietà, ma ora è il momento che le autorità competenti passino ai fatti assicurando una maggiore presenza di forze dell’ordine e un controllo capillare del territorio, per garantire quella sicurezza che è condizione essenziale per lavorare serenamente”.

“La situazione è insostenibile, assistiamo a una continua scia di furti che vede vittime imprenditori, titolari e dipendenti, tutti con una comune sensazione di completo abbandono” dice il presidente di ConfLitorale Confcommercio Pisa Luca Ravagni. “A Tirrenia sarebbe necessario tornare ad utilizzare l’Esercito nel quadro del progetto Strade Sicure, o comunque una decisa azione di presidio del territorio che restituisca serenità ad attività stressate e danneggiate dai continui furti”.

Per ulteriori informazioni:

scrivi
chiama
Condividi la notizia: