C’è ancora tempo per aderire nuovo contest “Un caffè per ripartire” promosso da Confcommercio Provincia di Pisa e il quotidiano La Nazione. Protagonisti della nuova sfida, a suon di tagliandi, i pubblici esercizi dell’area pisana (bar, pasticcerie, caffetterie…) e la tazzina del caffè, simbolo per eccellenza della ripartenza e della ripresa economica.

Espresso e quotidiano sono un binomio inscindibile per iniziare la giornata nella maniera migliore. L’iniziativa offrirà la ribalta del giornale a tutti i pubblici esercizi che giorno dopo giorno offriranno alla clientela un bel momento di relax porgendo una tazzina di caffè. E per due mesi accompagnerà i lettori alla scoperta del mondo del caffè attraverso la voce degli stessi protagonisti.

Bar, pasticcerie e caffetterie possono partecipare al contest “Un caffè per ripartire” inviando la candidatura all’indirizzo info@confcommerciopisa.it ; oppure contattando il segretario Fipe Tania Mucci al numero 3701510645.

Stefano Maestri Accesi, presidente di Confcommercio Provincia di Pisa ringrazia la redazione del quotidiano La Nazione “perché ci offre una occasione in più di collaborazione con le imprese del territorio come i pubblici esercizi in grande difficoltà per la pandemia e per gli aumenti delle materie prime. Ci piace molto rivedere nel caffè, momento di benessere, convivialità e socialità che per troppo tempo ci è mancato, la ripartenza”.

“C’è la necessità di ritrovare un momento per stare insieme e dare un messaggio di fiducia per la ripartenza” – sottolinea Guglielmo Vezzosi caposervizio de La Nazione di Pisa: “Da domani inizieremo a pubblicare, per i prossimi due mesi, in pieno periodo feste natalizie, un tagliando grazie al quale i clienti dei locali potranno votare il bar o la pasticceria preferita. Insieme al tagliando, i giornalisti della redazione cureranno ogni giorno una intervista a uno dei locali partecipanti, una vetrina per raccontare la storia e la peculiarità, la caratteristica e i servizi del locale stesso”.

Tania Mucci

scrivi
chiama
Condividi la notizia: