Si ricorda che questa procedura, a seguito di modifiche legislative introdotte in passato, e’ diventata di esclusiva competenza dell’azienda che la utilizza.

In sostanza i detentori di bilance, misuratori, strumenti di misura si devono preoccupare di verificare la data entro cui detti strumenti devono essere sottoposti a verifica.
Le scadenze delle verifiche sono le seguenti:

a) misuratori di carburanti – 2 anni

b) misuratori metano per autotrazione – 2 anni

c) strumenti per pesare – 3 anni

d) misuratori di volumi diversi dai carburanti – 4 anni

e) strumenti di misura di lunghezze – 4 anni

f) masse e misure campione, misure di capacità – 5 anni;

 

Si ricorda altresi’ che il metro non e piu’ sottoposto a verifica essendo sottoposto a controllo all’atto della fabbricazione.

Sulle bilance e sugli strumenti verificati deve essere apposto un bollino verde ben visibile che riporta la data di scadenza della verifica.

Il bollino deve essere apposto in zone ben visibili per consentire al consumatore di controllarne la validità.

Qualora gli strumenti metrici siano sottoposti a riparazione, prima di poterli riusare, deve essere presentata una richiesta di verificazione metrica; è sufficiente la presentazione della richiesta per riutilizzarli, anche se la verifica vera e propria venga poi eseguita successivamente.

Per verificare gli strumenti occorre fare riferimento all’Ufficio Metrico della Camera di Commercio.

Il mancato adempimento comporta rilevanti sanzioni.

 

Per maggiori informazioni contattare Paolo Pesciatini

Condividi la notizia: